La rinascita della Villa comunale – foto-

Delfino apre le danze

Esprimo grandissima soddisfazione per la riuscita dell’iniziativa pubblica di ieri,nata dalla sinergia tra il sottoscritto e la dr.ssa Stracuzza. Quest’ultima, dopo la pulizia della villa comunale, lamentava l’assenza di pesci rossi ,sperando che qualche cittadino volenteroso li portasse. Da qui la mia idea di creare proprio un raduno / evento che rappresentasse simbolicamente la rinascita della Villa Comunale e della città in generale. Ho contattato l’associazione “pagliacci clandestini” che gratuitamente ha allietato la serata, stampato le locandine, creato l’evento sui social network . In pochi giorni il tam tam è stato grandioso e la città ha risposto alla meravigliosamente. Eravamo in tantissimi, piccoli e grandi, felici di “rimettere piede” dentro il giardino più bello della città. Adesso le vasche sono nuovamente ,dopo anni di degrado, piene di pesci la villa è ripulita e sarà aperta alle 7.30 del mattino e chiusa alle 21.Tante sono ancora le cose da fare come l’illuminazione pubblica , la video sorveglianza,la sostituzione delle giostre e il rifacimento del bar, ma ieri è stato un primo passo,vedremo. Infine i miei

i "pagliacci clandestini"

intrattenimento

grande partecipazione

cittadini attivi

ringraziamenti sinceri vanno agli 8 dipendenti comunali che assieme ad altre figure quali gli ex lavoratori di multiservizi, le associazioni ,i volontari , gli ispettori ambientali e tutti coloro che hanno contribuito alla riqualificazione. Ieri ho visto un raggio di speranza,voglia di riappropriarsi degli spazi pubblici. Questa è la dimostrazione lampante che la parte buona della città c’è .È questa la Reggio che vogliamo. Grazie a tutti.

Ricordatevi l’appuntamento x Far rinascere la Villa Comunale

Accolgo con entusiasmo la proposta della Dott.ssa Carmen Stracuzza, dirigente delle politiche Ambientali e Culturali del Comune di Reggio Calabria, che invita la cittadinanza a donare un pesciolino rosso alla vasca della Villa Comunale della nostra città .Personalmente ho avuto modo, da consigliere e da privato cittadino di occuparmi, in passato, della questione “villa”, attirando, a volte, anche le ire di chi non la pensava come me. Ho aspramente criticato l’opera di cemento armato mal inserita in quello che è un vero e proprio giardino botanico e che doveva diventare un teatro permanente all’aperto. Ho posto l’accento su ciò che, invece, avrebbe prodotto sull’opera l’incuria e l’abbandono che già, da anni, gravava sul parco, nonché l’inopportunità di porre, in quel contesto, un’opera di cemento. I fatti, purtroppo, mi hanno dato ragione su tutto, andando anche oltre e aggiungendo ai motivi addotti anche errori di progettazione.Oggi, però, sembra finalmente arrivato il momento di “guardare avanti”.Molte sono le proposte per rilanciare la “villa” e,   ultima in ordine temporale, giunge la simpatica proposta della Dott. Stracuzza: dopo aver fatto pulire la vasca, che un tempo fu dei cigni, è necessario che l’acqua resti “viva”, non si crei, cioè la melma che, nel giro di poco tempo, renderebbe vano il lavoro fatto. Per far ciò è indispensabile il lavoro svolto dai pesciolini rossi che hanno proprio la funzione di ossigenare e far “respirare” l’acqua, impedendo che diventi stagnante. Partiamo, dunque da qui per far “reinnamorare” i reggini degli spazi pubblici, per questo faccio un appello pubblico :

Incontriamoci mercoledì 18 giugno alle ore 18.30 davanti alla vasca dei cigni dentro la Villa Comunale.

Portiamo i bambini, i nonni e gli zii: tutti con un pesciolino rosso da donare con la promessa di tornare a fargli visita.

Facciamo festa tutti insieme! Si dovrebbe trovare una soluzione per le  giostre vecchie e inefficienti e creare un’area giochi dentro il parco con attrezzature adatte ai bambini e sicure. Un’altra area si potrebbe destinare agli spettacoli all’aperto dove i vari artisti di strada, così come suggerito dalla dirigente al ramo, potrebbero liberamente mettere in scena i loro spettacoli. In questo spazio mi impegnerei a donare una targa alla memoria di Michele, batterista e artista di strada recentemente scomparso, nella speranza di vedere finalmente approvato il Regolamento sugli Artisti di Strada che il centro-sinistra, con la preziosa collaborazione del compianto Michele, aveva redatto. Ovviamente tutti i cittadini e i fruitori degli spazi dovrebbero, in maniera coscienziosa, occuparsi della pulizia e dell’ordinaria manutenzione degli stessi. Piano piano, se ognuno di noi contribuirà e farà la propria parte si potrà nuovamente godere di uno spazio di verde veramente unico in città!

Il Pd di nuovo tra la gente.

Demetrio Delfino

di Claudio Labate – ‘’La città da sola non ce la può fare. Abbiamo bisogno dei cittadini, del governo e dell’Unione europea’’. Il Partito democratico ha scelto la piazza per rilanciarsi in città dopo l’abbuffata del voto europeo. E siccome sa che non è automatico che quell’abbondante 30% sia replicato in una competizione elettorale amministrativa, decide che è giunto il momento di guardare a quattr’occhi i cittadini per provare a convincerli che una alternativa allo scopellitismo non solo è possibile, ma anche in divenire. 
Finalmente, direbbe più di uno…Effetto del nuovo corso targato Sebi Romeo, o consapevolezza acquisita con la campagna per le europee, a questo punto non ha importanza. L’obiettivo del segretario provinciale, e del gruppo dirigente che ha partecipato con lui a questo primo appuntamento tenuto a Piazza Camagna, è quello di dire alla gente ‘’Siamo qui, ora, vivi e vegeti’’. Con un partito nuovo, di facce nuove (o quasi), pronte ad assumersi la responsabilità del dopo Commissariamento. Responsabilità, è stato a più riprese ribadito, scevra da giustificazioni legate ai guasti del recente passato.Un partito pronto insomma a fornire ai reggini una proposta alternativa a quella offerta dal centrodestra negli ultimi dieci anni. Romeo chiede alla gente ‘’sostegno, partecipazione e critica per un rinnovamento completo’’. Non è questo il momento per mostrare muscoli o fare la conta delle persone presenti in piazza: ‘’Noi – dice con orgoglio il coordinatore cittadino Giulio Tescione – siamo pronti a metterci la faccia’’.E il Pd del ‘’nuovo corso’’ ha i volti di Anna Rita Leonardi, di Antonino Castorina, di Giuseppe Falcomatà, di Peppe Marino e di Demetrio Delfino. D’altra parte è una scaletta agile e leggera, quella scelta dal Pd al suo debutto in piazza. Un appuntamento che, giura il segretario provinciale, sarà replicato in tantissime altre piazze, del centro e della periferia, ‘’non per criticare ma per condividere idee che servano per una proposta partecipata’’.
La strada d’altra parte è già segnata. Il 14 giugno saranno depositate le candidature a sindaco per le primarie che si svolgeranno il prossimo 29 di giugno. E i candidati sottoscriveranno una Carta dei valori a cui dovranno attenersi scrupolosamente. Continua a leggere

cittadini fai da te!

Dopo le  le ultime denunce sull’argomento registro lo sfogo degli abitanti di sbarre/vico sant’Anna. Questi ultimi da tempo avevano chiesto l’intervento del Comune, per la pulizia  della piazzetta dell’ex rione caridi angolo tra vico sant’anna e sbarre centrali.Piazzetta che ,a causa dell’uncuria e dei vandali notturni era divenuta luogo degradato dove anziani e bambini non potevano piu sostare.Erbacce, spazzatura,bottiglie rotte, panchine divelte etc…questa era l’immagine che si vedeva passando da quelle parti.I residenti hanno fatto piu volte richiesto un intervento di pulizia straordinario ma passando i giorni nessuno si è fatto vedere.Messi alle strette e non potendo piu sopportare quel tipo di degrado e quindi decidono di rimboccarsi le maniche e con rastrelli e decespugliatori rispondono al silenzio delle istituzioni ( come si evince dalle foto).Un plauso a queste persone va sicuramente fatto per l’impegno e l’abnegazione dimostrata,ma questi episodi pongono delle riflessioni molto serie.Con che criterio vengono effettuati gli interventi di pulizia ? Esiste un piano di pulizia ordinaria dei vari quartieri? Se i cittadini non hanno la possibilità di “pulire da soli” è giusto che rimangano nel degrado e nell’abbandono piu assoluto? Probabilmente a queste domande non avremo mai risposta visto che fin qui nessuno ha inteso rispondere alle sollecitazioni che nel tempo sono state fatte.Una cosa è certa , la prossima amministrazione comunale dovra necessariamente tenere conto di questo grave problema e porre in essere un programma ben definito per ovviare a questo annoso disservizio.In questa città è giunta l’ora  di fare pulizia in tutti i sensi , gli eletti si assumano questa responsabilità.
Demetrio Delfino
Partito Democratico