Share:

La protesta “Gratta&Vinci”

di Stefano Perri  Un bambola gonfiabile che simula una goliardica lap dance, una serie infinita di simil ”Gratta e vinci”, i militanti del movimento ”Andate via” sia assiepano di fronte al Palazzo del Consiglio regionale.Il sit-in del movimento era stato annunciato già nei giorni scorsi. Ma la risposta non può certo definirsi entusiasmante. I manifestanti sono in pochi, non più di una cinquantina. L’impressione, a vederli, è che la gente a  Reggio ed in Calabria non abbia inteso esprimere, quantomeno con la presenza fisica, il suo disappunto per gli scandali sui rimborsi dei gruppi consiliari che negli ultimi giorni hanno investito Palazzo Campanella.Eppure i presenti non nascondono la loro rabbia. ”Rimborsateci la Calabria” è lo slogan che ha aperto il sit-in del movimento. ”Non è possibile che si continui a fare finta di nulla – dichiarano alcuni rappresentanti – non è possibile che la politutamente incapaci di agire per nostro conto e li riteniamo assolutamente indegni di rappresentare noi ed i nostri interessi collettivi”.ica continui a fare i suoi comodi mentre fuori la gente soffre gli effetti pesanti della crisi”.”Chiediamo l’immediata dimissione dell’intera Giunta Regionale – dichiarano ancora i manifestanti –  ed il conseguente scioglimento dell’ormai gravemente compromesso Consiglio.I Consiglieri regionali, indipendentemente dal colore  politico si sono rivelati nei fatti assolutamente indegni di rappresentare noi ed i nostri interessi collettivi”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Please enter an Access Token on the Instagram Feed plugin Settings page.