Primarie: chiarezza sul voto al ballottaggio

Per il ballottaggio si vota domenica 2 dicembre dalle h. 08.00 alle h. 20.00 negli stessi seggi in cui si è votato il 25 novembre, le sedi delle circoscrizioni.Sono ammessi al voto gli elettori in possesso del Certificato di elettore del Centro sinistra rilasciato per il primo turno, completo del cedolino relativo alla giornata del  2 dicembre, in mancanza del quale non è possibile essere ammessi al voto. Quindi chi non si è registrato per il primo turno non può votare al ballottaggio.Per gli  iscritti on-line che non abbiano completato la registrazione entro la data del 25 novembre alle ore 20.00, è possibile recarsi presso gli addetti a questa operazione del proprio seggio, versare il contributo di almeno due euro e ritirare il Certificato di elettore del centro sinistra, quindi votare.Possono altresì richiedere la registrazione coloro che, nei giorni 29 e 30 novembre presso il Coordinamento provinciale, dichiarino di essersi trovati, per cause indipendenti dalla propria volontà, nell’impossibilità di registrarsi all’ Albo degli elettori entro il 25 novembre.Spetta al  Coordinamento provinciale valutare  la consistenza o meno delle cause, indipendenti dalla volontà dell’elettore, che ne    hanno impedito l’ iscrizione all’Albo degli elettori entro il 25 novembre, ovvero la preiscrizione on-line. Il Coordinamento provinciale, con voto unanime, decide se ammettere o meno  la registrazione all’Albo degli elettori.Tutto ciò serve ad evitare strumentalizzazioni e “deportazioni” di massa per l’uno o l’altro candidato. Scoppierebbe ,altrimenti, la corsa “a chi ne porta di più” …mortificando lo spirito di spontanea partecipazione democratica e falsando così il risultato finale. P.s. il sottoscritto sarà ancora a lavorare presso il seggio di Sbarre ,in via graziella sede della VI^ Circoscrizione, vi aspetto per il bis!!!  D.D.

Manifesto del lutto comunale…

Comune di reggio calabria : Game over!! Di fatto quanto accaduto nella giornata di oggi è quanto di peggio  potesse accadere .E’ stato affisso  negli uffici comunali il volantino di avviso che ,di fatto, fa presagire la dichiarazione di dissesto finanziario del comune di Reggio Calabria.Ce lo aspettavamo visto che ,fin qui, non si era riuscito a quantificare esattamente il buco di bilancio e che di giorno in giorno aumentavano debiti e decreti ingiuntivi ai danni di Palazzo San Giorgio.Noi lo abbiamo gridato forte , abbiamo tentato di fermare quel vortice perverso che scatenava “l’allegra gestione” delle casse comunali.Abbiamo criticato feste,festini,sagrette ed investimenti a perdere paventando il crollo finanziario. Ci hanno riso in faccia, ci hanno detto che siamo degli allarmisti,che facciamo terrosrismo psicologico ed infine che  eravamo i veri nemici della città.Invece ,purtroppo, avevamo visto giusto le nostre preoccupazioni erano fondate altro che “crisi momentanea di liquidità” come dicevano Scopelliti e sodali…Il rammarico è che mentre noi denunciavamo ,nei modi consentiti, chi doveva intervenire attendeva,aspettava lasciando tutto all’impasse.Se gli organi competenti ,corte dei conti in primis, fossero intervenuti tempestivamente alle prime avvisaglie di anomalie contabili o avessero approfondito le segnalazioni fatte dall’opposizione di centrosinistra,forse il dissesto si sarebbe potuto evitare. Che dire …pochi giorni e sapremo se i commissari troveranno la difficilissima soluzione altrimenti sara crack comunale! Una  legittima richiesta di giustizia ,invocata da tutti in queste ore,  …se crack sarà paghino -caro e amaro- tutti coloro che questo dissesto lo hanno provocato ..non solo con l’incandidabilità per dieci anni ,ma confessando dove sono finiti tutti questi milioni e risarcendo il danno con le proprie (?) tasche. La città è stanca , avvilita,sdegnata.La lezione che,speriamo, sarà data a questi personaggi serva da monito ai futuri amministratori .Almeno questo ce lo aspettiamo ,lo pretendiamo!!! Saranno tempi duri per tutti intanto,però,credo che sia doveroso esprimere solidarietà ai 1063 dipendenti comunali che questo mese non percepiranno lo stipendio.D.D.

Acqua non potabile: lettera aperta ai Commissari

Di Renza Monteleone.HO INVIATO LA SEGUENTE LETTERA APERTA I VARI QUOTIDIANI ONLINE E STAMPA MA NESSUNO HA PUBBLICATO… Con Ordinanza n. 55/Staff del 28/09/2012, pubblicata sul sito del Comune di Reggio Calabria in data 24/10/2012, l’allora Sindaco Arena comunicava che a causa di “presenza di fluoruri in percentuale superiore agli standard di qualità fissati dal DLgs 31/2001″…”non è consentito…di utilizzare per scopi potabili le acque distribuite nelle zone di Archi ; Archi Cep; Archi Carmine; Scalone e Gallina di Archi.; via Nazionale Archi; vìa Nazionale Pentimele Pentimele”. Ad oggi, nessun aggiornamento è pervenuto alla cittadinanza, né in realtà fin dall’esordio di tale faccenda la cittadinanza è stata messa al corrente in modo idoneo. Tra l’ordinanza e la sua pubblicazione e diffusione è trascorso quasi un mese (dobbiamo ringraziare i signori Commissari che hanno tirato fuori dal cassetto ciò che la precedente Amministrazione aveva scritto ma non ufficializzato!). La diffusione è stata a dir poco minima, sottosilenzio, quasi impercettibile. Ancora molti residenti delle zone coinvolte non sanno che non possono utilizzare l’acqua erogata dal Comune. Ma non ci si ferma qui. Eccesso di fluoruri, questa è la motivazione, non dice niente ai cittadini: cosa può provocare l’eccesso di fluoruri? ci sono categorie particolarmente a rischio? quale utilizzo fare esattamente e cosa evitare categoricamente? L’ordinanza ci dice “non è consentito l’uso potabile”, quindi non uso l’acqua per bere e per cucinare. E poi? Vorrei maggiori informazioni e chiamo il Comune, ufficio acquedotti, che mi dice di rivolgermi all’Arpacal, che mi dice di chiamare l’ASP. Un medico dell’ASP, nell’ufficio apposito di riferimento per tale problematica, mi risponde – a domande precise ed incalzanti- che è meglio NON BERE L’ACQUA, NON USARLA PER CUCINARE, NÉ PER LAVARE I PIATTI… NÉ PER LAVARE I DENTI E NEMMENO PER LA DOCCIA…INSOMMA MEGLIO USARLA SOLO PER LAVARE BAGNI E PAVIMENTI! e soprattutto ATTENZIONE AI BAMBINI! Ciò è ben diverso e ha implicazioni più gravi che “non è consentito l’uso potabile”. Vado, stavolta di persona, al Comune e, dopo varie ricerche in stanze, corridoi e androni per capire a chi rivolgermi, un dipendente dell’ufficio acquedotti mi spiega di attenermi all’ordinanza e stare tranquilla, che il Comune non entra nel merito di possibili rischi per la cittadinanza dovuti all’eccesso di fluoruri poiché non è competente e che è l’ASP ad esserlo. Ora vi chiedo, cari Commissari e cari concittadini, voi sareste tranquilli dopo quanto riferito dal medico dell’ASP? Io no…e sarei grata di poter ricevere urgentemente adeguate informazioni a tutela della mia salute. Da chi…non so…decidete voi di chi è la responsabilità e la competenza, l’importante che qualcuno risponda…

Scrivi anche tu...

Incentivi per assunzioni a tempo indeterminato.

Decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali 5 ottobre 2012(pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 243 del 17 ottobre 2012)Il Ministro del  lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze,VISTO l’articolo 24, comma 27, primo e secondo periodo, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n.201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, che prevede l’istituzione presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali di un Fondo per il finanziamento di interventi a favore dell’incremento in termini quantitativi  e qualitativi dell’occupazione giovanile e delle donne;VISTO, inoltre, il terzo periodo del comma 27 del sopracitato articolo 24, laddove dispone che con decreti del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e finanze, sono definiti i criteri e le modalità istitutive del Fondo;VISTO l’articolo 1, comma 1, lettera a), della legge 28 giugno 2012, n.92, che indica, come azione prioritaria, l’instaurazione di rapporti di lavoro più stabili e che ribadisce il rilievo prioritario del lavoro subordinato a tempo indeterminato;VISTO il regolamento (CE) 15 dicembre 2006, n. 1998/2006, Regolamento della Commissione relativo all’applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato agli aiuti di importanza minore “de minimis”;VISTO l’articolo 13, comma 1-quinquies, del decreto-legge 2 marzo 2012, n.16, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 aprile 2012, n.44;RITENUTO, pertanto, al fine di promuovere, in via straordinaria, l’occupazione dei giovani e delle donne nel peculiare contesto dell’attuale fase economica, incentivando la creazione di rapporti di lavoro stabili, ovvero di maggiore durata, di istituire il Fondo di cui al suindicato articolo 24, comma 27, del decreto-legge n.201 del 2011, convertito con modificazioni dalla legge n. 214 del 2011, individuando, per l’anno 2012 e 2013, gli interventi straordinari in favore dei giovani e delle donne     DECRETA Continua a leggere

L’ultima fatica di Katia Colica

La copertina del libro

L’associazione SNAP* presenta l’ultimo libro di Katia Colica ,il 28 Novembre ore 17 sala della Provincia.Ancora una scusa per restare – Storie di ordinaria invisibilità in una notte metropolitanaedito da Città del Sole Edizioni.Oltre l’autrice e l’editore Franco Arcidiaco saranno presenti i relatori:- Enrico Costa- Aldo Libri- Pino Rotta.Un susseguirsi di voci reali, di sussurri e di grida. Un reportage fatto di storie vere inscatolate dentro lo spazio possibile dato da un tempo stabilito: una sola notte. Come dentro un viaggio che conduce verso la solitudine della città si intrecciano le testimonianze di richiami troppo spesso ignorati e che praticano la resistenza dentro una realtà dai tratti feroci. Storie di ordinaria invisibilità ma nel loro insieme universali, perché in quella apparente normalità traggono la capacità di racchiudere e rappresentare quelle che sono le essenze più vere della comunità di una piccola metropoli. Quella che emerge è una realtà spesso trascurata dai mass media se non quando sfocia in fatti eclatanti che riescono a bucare il velo dell’indifferenza. In questo libro, per una volta, sono invece le piccole storie a bucare questo velo e dimostrare la loro forza focalizzando l’attenzione. Sono le vite che si incontrano lunghe le vie, nei locali, nelle periferie, nelle strade a diventare per la prima volta protagoniste attraverso i racconti diretti, svelando realtà spesso nascoste. Volti diversi in cui ad affiorare non sono l’omologazione e i luoghi comuni ma le differenze. Ad accompagnarli c’è un punto di vista nuovo: quello di una città che non afferma la propria personalità attraverso i fatti clamorosi di cui è stata fatta, nel bene e nel male, protagonista ma che, come in un istante onirico, sa rivelarsi comunque gentile per chi ha ancora la forza di restare.Katia Colica, giornalista e scrittrice, collabora con alcune testate locali e nazionali ed è redattrice della rivista letteraria Uno Nove nella quale pubblica regolarmente racconti brevi. Dal 2002 conduce delle ricerche sulle dinamiche urbane per il centro studi Club Ausonia. Con le sue opere ha contribuito all’antologia poetica Saper leggere il libro del mondo – Vol. II, pubblicata dalla Fondazione De Andrè e che vede come Presidente Dori Ghezzi. Ha pubblicato una narrazione per Oscar Mondadori “Col mare dentro”. Ha sviluppato la stesura di molte sceneggiature teatrali, cortometraggi e documentari. È socia fondatrice dell’Agenzia di Ufficio Stampa Adexo e co-fondatrice dell’agenzia letteraria Disversi. Per Città del Sole Edizioni ha già pubblicato Il tacco di Dio, raccontando l’estrema alchimia di relazioni tra territorio e umanità.

In libreria,Lou Palanca : Blocco 52

 

 Blocco 52      di Lou Palanca          Rubbettino Editore.Il nome dell’autore è lo pseudonimo di un collettivo di scrittura ispirato dalla lezione del New Italian Epic. Nato tra la Salerno-Reggio Calabria e il far east del meridione d’Italia, all’incrocio del desiderio di chiudere una stagione di odi etnici fra le varie città della Calabria e la voglia di raccontare e fare memoria. Lou, richiama il nome di Luigi – il protagonista del libro. Palanca, rinvia ad un’icona calcistica dell’intera Calabria, quando le vittorie sportive supportavano le speranze di un riscatto sociale e di uno sviluppo che sembrava a portata di mano. Il libro parla di: La sera del primo aprile 1965, nel centro storico di Catanzaro viene ucciso Luigi Silipo, 49 anni, presidente regionale dell’Alleanza Contadini. Sono passati 30 anni dall’ultimo omicidio avvenuto nella città e si tratta, a suo modo, di una morte eccellente e misteriosa. Silipo era stato segretario della federazione provinciale del Pci e dal 1956 al 1962 aveva fatto parte del Comitato Centrale di Botteghe Oscure.Dei 6 colpi di pistola che lo raggiungono, 4 attingono la schiena, uno la fronte e l’altro la nuca. Sembrerebbe una vera esecuzione.La notizia raggiunge le prime pagine dei giornali nazionali, ma fin da subito risulta avvolta da una sorte di coltre misteriosa. Le indagini che si sviluppano toccheranno varie piste: da una vera e propria esecuzione mafiosa legata alla attività sindacale di tutela dei braccianti, alla pista passionale, alcuni investigatori adombrando maliziosamente anche tendenze omosessuali; da possibili contrasti familiari alla soluzione di contrasti interni al partito.In effetti nel corso degli anni successivi all’interno del Pci emerge una certa reticenza a parlare dell’accaduto. Finanche il fascicolo processuale divenne introvabile negli archivi del Palazzo di Giustizia.Come molti comunisti Silipo trascorreva le vacanze in Cecoslovacchia, ma resta certamente da capire perché l’anno successivo all’omicidio le indagini paiono improvvisamente ad una svolta, con una donna di Scilla, legata in qualche modo al Pc cecoslovacco, che vuole parlare con la Polizia del delitto e un alto dirigente dello stesso partito d’oltrecortina improvvisamente giunto a Catanzaro per incontrare i dirigenti locali del Pci. Ma dopo quasi mezzo secolo rimane solo oblio e domande senza risposte.

 

Sportello d’ascolto per l’orientamento sessuale.

Questo sportello si rivolge a coloro che vivono con difficoltà i problemi legati alla definizione della propria identità sessuale e del proprio orientamento sessuale con interventi di sensibilizzazione, presa in carico, supporto psicologico, counseling, per il corretto sostegno delle persone transessuali, omosessuali e per le loro famiglie.In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:-accoglienza, ascolto, sostegno per l’utenza; – supporto a minorenni;- interventi psicoterapeutici e supporto psicologico all’utente ed alla sua famiglia;- informazioni sulle procedure previste per l’assistenza legale;- visite mediche;- azioni di sensibilizzazione circa le tematiche LGBTQI;- gruppi di ascolto;- ascolto psicologico telefonico. Sarà possibile trovare un ambiente di accettazione empatica e di confronto cognitivo, in grado di supportare e condurre l’individuo verso un’adeguata comprensione ed accettazione del proprio Sé.Grazie alla presenza di personale qualificato nel trattamento di tali tematiche, saranno promosse attività di sostegno psicologico, psicoterapia, gruppi ascolto, attività di formazione, mirate al miglioramento della qualità della vita, delle relazioni interpersonali e dell’equilibrio emotivo e psico-fisico.

Apertura sede x primarie!

 Si avvisano tutti i potenziali elettori del centrosinistra che è attivo il presidio elettorale di Sbarre-Modena per le primarie.L’indirizzo è viale Europa 123 ( di fronte vigili del fuoco) ubicato presso la sede dell’Associazione culturale “nova Polis”.L’iscrizione al registro degli elettori del centrosinistra per le primarie consiste nella compilazione di una scheda anagrafica , nel rilascio di un certificato elettorale ( da portare al seggio) e nel versamento del contributo di 2 euro.Ricordiamo,inoltre, che i cittadini si possono iscrivere presso il nostro presidio indipendentemente dall’indirizzo di residenza.Per votare ,invece, dovranno recarsi presso la propria circoscrizione.Il presidio è l’occasione non solo per incontrare gli esponenti politici ma anche per confrontarsi sulle varie problematiche del momento.I Partiti ,inoltre, ringraziano il presidente dell’associazione Nova polis ,Antonino Pulitanò, per aver dato la disponibilità della sede.Fino alla data delle primarie day,25 Novembre, la sede sarà aperta full time . Gli orari saranno i seguenti : tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 20. A presenziare ci saranno le varie forze del centrosinistra Pd,Sel,Socialisti e oltre il sottoscritto i compagni : Massimo Canale,Pino Romeo, Franco Calabrò,Pino Barone,Ercole Nucera,Davide Nostalgi,Tonino Nucera, Antonia Lanucara. Inviatiamo ,quindi, la popolazione a raggiungerci per contribuire fattivamente a questo grande momento di democrazia e partecipazione per un’ “Italia bene Comune”.Demetrio Delfino comitato elettorale Sbarre-Modena

Avvocatura civica…finalmente!

di Claudio Labate – Continua l’opera di “risanamento”, economico e se vogliamo ambientale, avviata dalla terna commissariale.I Commissari stanno lavorando anche alla definizione di un processo, quello della costituzione dell’Avvocatura civica, iniziato, in linea di principio, ma mai portato a termine.“Dagli accertamenti svolti dalla Commissione e dalla documentazione acquisita – si legge nella contestata relazione della commissione d’accesso al Comune- è emerso che non risulta ancora formalmente costituita presso il Comune di Reggio Calabria l’Avvocatura Civica; cioè l’Ufficio, composto da avvocati, i quali, ai sensi dell’art.3, ultimo comma, lett.b del R.D. 27 novembre 1933, n.1578, sono legittimati alla rappresentanza ed alla difesa dell’Amministrazione in tutte le cause e gli affari propri dell’Ente. Esiste, invece, un Settore amministrativo denominato “Avvocatura Civica”,che cura prevalentemente attività burocratico – gestionale come, ad esempio,svolgimento di istruttoria di pratiche connesse con eventuali giudizi, ricezione di atti giudiziari, rilascio di pareri, liquidazione di debiti fuori bilancio a seguito di sentenze di condanna, rimborso spese legali a dipendenti, attività finalizzate a possibili transazioni”.Insomma, constatava la Commissione, “la rappresentanza e la difesa in giudizio del Comune di Reggio Calabria è affidata, quindi, in larga parte, ad avvocati esterni all’Amministrazione”.Bene, i Commissari, a quanto pare hanno cominciato a mettere mano anche a questo settore. Già questa mattina, molti avvocati riferivano, in via ovviamente ufficiosa, della volontà di Panico&Co di intervenire per revocare i mandati a tutti quegli avvocati che facevano parte della famosa “short list”. Una riunione ad hoc sarebbe stata fissata se non per oggi (i commissari ancora stamane erano attesi dal rientro del fine settimana) nei prossimi giorni. Tanto che alcuni di quegli avvocati, non tutti però, hanno preferito chiedere il rinvio delle cause in cui rappresentavano il Comune, puntualmente concesso dai giudici, anche se Continua a leggere

Il nuovo cd di Guccini

le copertine di album e singolo

Francesco Guccini torna il 27 novembre con “L’ultima Thule’, il nuovo album 2012, mentre è già online il lyric video del singolo “L’ultima volta”.Un mese fa Francesco Guccini aveva annunciato la produzione del suo nuovo album. E l’aveva fatto mettendo un video su YouTube, in cui svelava lo studio di registrazione, il Mulino di Chicon a Pàvana (provincia di Pistoia), appartenuto ai suoi nonni. Una location insolita che riporta il cantautore modenese nei luoghi dell’infanzia e dell’adolescenza.Adesso sappiamo che il nuovo disco si intitola “L’ultima Thule” (il riferimento è alla leggendaria isola dell’estremo nord, situata ai confini del mondo e considerata patria degli Iperborei), che uscirà il 27 novebre 2012 e che forse sarà l’ultimo lavoro di Guccini.Ma sono usciti anche altri dettagli come la tracklist e il primo singolo dell’album, “L’ultima volta”, di cui è già possibile vedere il lyric video.La copertina del disco, che potete ammirare in alto sulla destra, mentre sulla sinistra c’è quella del singolo, è stata scelta dallo stesso Guccini che racconta così come l’ha trovata: “Una sera di qualche mese fa ho incontrato per caso il fotografo Luca Bracali, che mi ha fatto vedere parecchie foto dei suoi viaggi. Quando ho visto questo veliero fra i ghiacci polari ho detto: Eccola, è lei”.Francesco Guccini – L’ultima Thule tracklist1)Canzone di notte n° 4  2) L’ultima volta 3) Su in collina  4) Quel giorno d’aprile 5)Il testamento di un pagliaccio  6) Notti  7) Gli artisti  8) L’ultima Thule. Il nuovo album arriva a quasi nove anni dal precedente “Ritratti” (2004) e sarà il diciassettesimo album in studio della carriera di Guccini, una carriera iniziata nel lontano 1967 e che l’ha visto esordire anche come cantante scrittore. Vedi il video del singolo “l’ultima volta”