La vergognosa Riforma del lavoro!

E’ arrivata… La riforma del lavoro ha raggiunto una forma, pare, definitiva, approvata dal Consiglio dei Ministri.È assai discutibile che, a tavolo con le parti sociali concluso e approvazione da parte del CdM avvenuta, ancora non sia stato reso noto un testo ufficiale  e definitivo. Si tratta di una opacità di non poco conto: sia per questioni estremamente concrete (nei tecnicismi delle formulazioni risiedono ricadute molto incisive sulla vita materiale di tutte e tutti coloro cui la riforma si rivolge), sia per ragioni di trasparenza e democrazia nel dibattito pubblico. Impossibile non notare, infatti, che l’assenza di testi definitivi si accompagni a dichiarazioni da parte del ministro Fornero sostanzialmente contraddittorie con i documenti circolati. Tanto da indurre nei più smaliziati il sospetto di una deliberata strategia di mistificazione. Queste mistificazioni si avviluppano in via preferenziale intorno al tema della precarietà (Non solo sulla precarietà tuttavia. Di questi giorni è la vulgata su una presunta estensione dell’art.18 per licenziamenti discriminatori smascherata efficacemente da Umberto Romagnoli), terreno prediletto della retorica governativa, sul quale sono state sbandierate rivoluzioni che non è dato oggi rilevare e dove, invece, emergono contraddizioni non da poco. Vediamo perché.Riduzione contratti precari: falso! E’ stata la prima delle tante promesse non mantenute del Governo. Appena cominciato l’iter della trattativa il Ministro Fornero aveva assicurato una riduzione drastica delle oltre 40 tipologie contrattuali oggi presenti. A parte la limitazione del contratto di associazione in partecipazione, rimane in piedi la pletora di tipologie contrattuali precarie: perché per esempio non abolire il lavoro a chiamata o lo staff leasing, obrobri filosofici e giuridici?Lotta agli abusi contrattuali:  discutibile. Il Governo aveva garantito un contrasto “secco e severo agli abusi”. Restano dubbi, tuttavia, sull’efficacia della strategia scelta: la ridefinizione normativa delle tipologie contrattuali. Una ridefinizione apprezzabile, in quanto le riconducead una funzione genuina: si sancisce l’illegittimità, per esempio, di un  contratto a progetto per mansioni strettamente esecutive o uguali a quelle svolte da lavoratori dipendenti, oppure di una prestazione con partita iva se prolungata per oltre sei mesi o produttrice di oltre il 75% del reddito del prestatore d’opera. Tuttavia si tratta di una stretta normativa che può essere fatta valere solo ex post, cioè nel caso in cui un lavoratore faccia causa al suo datore di lavoro oppure in base a una denuncia fatta dagli ispettori del lavoro. Non è un problema da poco se teniamo presente la strutturale fragilità e ricattabilità dei parasubordinati (o di larga parte di essi). Privi di un contratto collettivo nazionale di riferimento, di rappresentanza sindacale e con il rischio costante di non vedersi rinnovato il contratto, per un collaboratore fare causa è una specie di atto eroico. Soprattutto in  un mercato del lavoro in cui la disoccupazione giovanile al 30% funziona come un ricatto strisciante che costringe ad accettare anche condizioni di lavoro chiaramente illecite. Del resto è difficile pensare che i servizi siano in grado di sorvegliare sull’attivazione di tutti i contratti di lavoro a termine.Alcuni interventi pensati come contrasto agli abusi, poi, oltre a non essere efficaci rischiano di produrre un effetto peggiorativo rispetto alla condizione di partenza.E’ il caso dell’aumento delle aliquote per i collaboratori (e p.iva?): dannoso! Per i co.co.pro, infatti, è previsto un aumento dei contributi da versare alla gestione separata dell’Inps che porti dall’attuale 27,72% al 33% nel 2018. Contemporaneamente però niente è stato fatto sui compensi minimi, con il rischio che l’aumento delle aliquote si scarichi sui compensi netti dei collaboratori, provocandone Continua a leggere

Censimento e bonifica/smaltimento amianto

Ordinanza Sindacale Prot. Nr. 109/Staff del 30.01.2012
•A tutti i proprietari d’immobili con coperture in lastre di cemento amianto, a tutti i proprietari di beni immobili nei quali siano presenti materiali o prodotti contenenti amianto libero o in matrice friabile, nonchè ai titolari o legali rappresentanti d’unità produttive o altro, di provvedere ad effettuare il censimento degli stessi
•Le schede di autonotifica per il censimento degli edifici e/o suoli con presenza di materiali contenenti amianto, debitamente compilate dal proprietario o dall’Amministratore, o dal legale rappresentante dell’immobile, vanno presentate direttamente all’Ufficio Protocollo Comunale o in alternativa inviate a mezzo raccomandata al Comune di Reggio Calabria al seguente indirizzo: Piazza Italia n. 1, entro e non oltre 90 giorni dalla data di pubblicazione della presente ordinanza.Scadenza 16 aprile 2012.Nellla sezione Link a destra il testo completo della richiesta da presentare : http://www.reggiocal.it/on-line/Home/PrimoPiano/articolo107002.html

Lavori a Sbarre !

Finalmente sono ripresi i lavori per il completamento della strada che collegherà via sbarre centrali con sbarre superiori e via laboccetta. Un opera che ha visto un iter burocratico lunghissimo a causa di problemi di espropri e cause legali con le ditte.Dopo anni di impasse ,quindi, si spera che in pochi mesi la nuova via sia percorribile e mantenga le aspettative di decongestionamento del traffico nella zona citata.Contestualmente allo sblocco dei lavori si è provveduto all’abbattimento di alcuni ruderi che insistevano lungo il tratto interessato.A tal proposito vorrei porre all’attenzione dell’Amministrazione comunale e dell’assessore competente il fatto che, lungo via sbarre superiori, ci sono ancora molti ruderi diroccati che rappresentano un vero pericolo per l’incolumità di passanti e automobilisti.In queste baracche ,poi, sono avvenute ultimamente vicende assai tragiche ,ricordo infatti, il ritrovamento di un cadavere proprio all’interno di una di esse.Rispetto a tutto ciò è necessario che L’amministrazione provveda all’abbattimento anche di queste ultime casupole affinchè si possa procedere all’ampliamento della strada e alla costruzione dei marciapiedi di cui la via è pericolosamente sprovvista.Laddove l’Amministrazione non è in grado, per motivi vari, di intraprendere questo iter ,mi permetto di suggerire la messa in sicurezza di questi ruderi puntellandoli e recitandoli. Sperando che questi lavori siano solo l’inizio di una nuova attenzione nei confronti di Sbarre invito il Sindaco ad accompagnarmi in un sopralluogo per evidenziargli le altre problematiche del quartiere.

DOCUMENTO SUL FUTURO DI REGGIO

Il futuro di Reggio non può prescindere dalla presenza di una classe dirigente seria e responsabile che restituisca speranza alla città, oggi, purtroppo, condotta in  una delle fasi più drammatiche e delicate della sua storia.Non ci convincono i silenzi assordanti del Primo Cittadino, che continua a non prendere una posizione chiara sulle tante ombre che oscurano la sua Giunta. A tal proposito, bene ha fatto l’ex Assessore Tuccio a rassegnare le proprie dimissioni che, aldilà di ogni coinvolgimento di carattere giudiziario, costituiscono un atto opportuno.Tuttavia, riteniamo che ciò non sia sufficiente a rilanciare l’immagine già offuscata di questa amministrazione: il problema non era Tuccio ieri, così come oggi non lo è soltanto l’Assessore ai Lavori Pubblici Pasquale Morisani.La verità è che l’Amministrazione Comunale ha bisogno di ritrovare la credibilità dell’agire amministrativo. È necessario, con estrema urgenza, che il Sindaco dia risposte concrete sul percorso che intende intraprendere per ricondurre la città sui binari della trasparenza, della legalità e dell’efficienza amministrativa. È solo su questi valori che si può costruire una nuova speranza in cui si possa riconoscere la cittadinanza tutta.Il centrosinistra continuerà ad occuparsi solo di politica, senza scadere in puerili e goffi attacchi personali, soprattutto se questi offendono la memoria di chi, purtroppo, non ha più voce per poter rispondere. Non ci faremo intimidire, dinanzi a tutto questo non siamo disposti a indietreggiare di un solo millimetro.Il nostro ruolo rimane improntato, innanzitutto, alla proposta politica a difesa degli interessi della città che ha bisogno, oggi più che mai, di certezze e di una classe politica autorevole.Il gruppo di centrosinistra in Consiglio Comunale ,Massimo Canale,Demetrio Delfino,Giuseppe Falcomatà,Nicola Irto,Nino LiottaGiuseppe Marino

LAVORATORI DI TUTTO IL PAESE UNIAMOCI!!

Dieci anni! Ogni dieci anni, a partire dall’approvazione dello Statuto dei Lavoratori, ci provano.Vogliono cancellare le garanzie minime che la leggeoffre al lavoratore per difendersi in caso di licenziamento. Nessuno si chiede più come investire per l’occupazione, si parla solo di come licenziare,licenziare, licenziare. Sempre e comunque uomini e donne trattati come costi, quantificate come merci, scartate come rifiuti.Allora ci tocca di nuovo andare! Di nuovo rimetterci in marcia, ancora una volta come dieci anni fa, non per noi…ma per “quelli che passeranno!!” Ribellarsi è giusto! Ribellarsi è ora!!

L’assessore dice addio alla poltrona

La suocera è agli arresti per ‘ndrangheta
Luigi Tuccio, responsabile dell’Urbanistica a Reggio Calabria
Domenico Condello, latitante dal 1990 (Ansa)REGGIO CALABRIA – La suocera è in carcere per aver favorito la latitanza di un boss e lui si dimette da assessore. Luigi Tuccio da questa mattina ha lasciato la poltrona di responsabile all’Urbanistica al comune di Reggio Calabria. L’annuncio delle sue dimissioni è arrivato nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il sindaco della città Demetrio Arena e tutta la giunta. «Ho deciso di fare un passo indietro per non permettere a nessuno di strumentalizzare la mia persona. Questa è una scelta scaturita dal forte amore che provo verso la città e dal rispetto che ho verso i miei concittadini», ha spiegato Luigi Tuccio. Sua suocera, Giuseppa Cotroneo, madre della sua compagna Giampiera Nocera, avvocato, è stata arrestata nei giorni scorsi, assieme ad altre cinque donne, perché avrebbe aiutato nella sua latitanza il super boss Domenico Condello, ricercato dal 1993.PIZZINI:Condello per lungo tempo, come hanno accertato i carabinieri del Ros, si è nascosto in un’abitazione messa a disposizione dalla donna. Il nascondiglio è stato localizzato a gennaio dello scorso anno, ma quando i carabinieri hanno fatto irruzione Domenico Condello era già fuggito. Nel covo gli inquirenti hanno comunque trovato alcuni pizzini di ringraziamento, indirizzati proprio alla suocera di Tuccio. «Cara comare me ne sto andando. Lascio qui tutto quello che mi avete mandato, perché se torno mi può servire. Vi ringrazio di tutto. Se Dio vuole ci rivedremo …». Dopo l’arresto della suocera Luigi Tuccio, che è figlio dell’ex procuratore di Palmi, si era difeso sostenendo che le notizie trapelate «erano strabilianti con un obiettivo esclusivo, appetitoso e assolutamente irraggiungibile, attraverso strategie diffamatorie che miravano ad accerchiare il governatore Scopelliti»POLEMICHE- Luigi Tuccio ha poi tirato in ballo il suo passato. «La mia infanzia è stata contrassegnata da esempi di elevatissimo valore per senso dello Stato». L’ex assessore all’Urbanistica di Reggio Calabria aveva fatto parlare di sè già qualche mese fa quando, con un post su Facebook, aveva definito il premio Oscar Roberto Benigni «comunista ebreo». Una frase scioccante che alimentò polemiche infuocate e richieste di dimissioni per Tuccio. Che l’esponente pidiellino riuscì ad evitare grazie alla solidarietà ricevuta dalla sua parte politica. Oggi di fronte ad una suocera in carcere perché accusata di associazione a delinquere di stampo mafioso, ha gettato la spugna. cmacri@corriere.it

Il centrosinistra su trasparenza amministrativa etc..

di Stefano Perri.Una proposta di deliberazione per la stabilizzazione degli Lsu-Lpu comunali e per la trasparenza nelle procedure di assunzione nelle Società miste e partecipate. E’ quanto chiedono i consiglieri comunali di centrosinistraattraverso una proposta di deliberazione depositata in queste ore. A presentare la proposta è il Coordinatore della minoranza a Palazzo San Giorgio Massimo Canale, durante una conferenza stampa tenutasi proprio nell’aula consiliare dove si sarebbe dovuta svolgere oggi la seduta del Consiglio, “A fronte della notizia che il Consiglio Comunale sarebbe andato deserto – spiega il neo consigliere PD Massimo Canale – abbiamo voluto presentare alla stampa il nostro lavoro. Questo Consiglio si è riunito centinaia di volte senza il Sindaco. Il rinvio del centrodestra è sintomo del disagio e dell’imbarazzo che ha la maggioranza nel venire in aula per confrontarsi con le cose concrete ed evidenzia la totale mancanza di rispetto istituzionale”.”Oggi presentiamo questa iniziativa – prosegue Canale illustrando la proposta di deliberazione – per giungere a procedure trasparenti nei rapporti con le Società miste, affinché anche nei rapporti con i terzi ci si ispiri a criteri di evidenza pubblica a cominciare dall’assunzione del personale”.Una proposta dunque che prende spunto anche dagli ultimi eventi di natura giudiziaria e che va nella direzione della garanzia della pubblica evidenza e della trasparenza amministrativa, armi fondamentali per combattere le infiltrazioni mafiose. “C’è il rischio – prosegue Canale – di assistere a nuove infiltrazioni da parte della ‘ndrangheta. Non diciamo che fino ad ora ci siano state, c’è chi lo dovrà accertare, ma chiediamo una maggiore trasparenza nell’operato delle società miste. E su questa proposta chiediamo la convergenza della maggioranza perché non stiamo difendendo un interesse di parte ma un obiettivo che riguarda l’intera città. Spero che non ci sia una chiusura a riccio verso una proposta che viene dalla minoranza. Vorremmo che sulle questioni istituzionali che riguardano la città ci sia una totale condivisione.Siamo pronti anche a rivedere il contenuto della delibera per consentire una totale condivisione”.Ad entrare nel dettaglio della proposta è il Consigliere Comunale Demetrio Delfino che ci tiene a ribadire la volontà da parte della minoranza di tutelare i 112 lavoratori Lsu-Lpu di Palazzo San Giorgio attualmente sottoposti a contratti a tempo determinato. “Uno degli elementi che ci sta più a cuore – spiega Delfino – è la stabilizzazione degli Lsu e Lpu del Comune che da 13 anni sono legati all’Amministrazione con contratti precari finanziati con contributi regionali e quote comunali. O si decide cosa fare con questi lavoratori o si rischia che rimangano in mezzo alla strada. Sono ormai troppo grandi per cercarsi un altro lavoro e troppo giovani per andare in pensione. Nel 2010 era stato promessa l’assunzione definitiva ma al momento non si hanno notizie. Chiediamo che le Società miste, invece di chiedere consulenze agli esterni, stabilizzino questi lavoratori seguendo dei criteri progressivi. Continueremo a chiedere la loro stabilizzazione finchè avremo voce in questo consiglio e facciamo appello anche ai Sindacati affinché sostengano con forza questa battaglia”. Continua a leggere

Notizie lavorative…

offerte di lavoro varie…

operatrici/ori per call center

Azienda in forte espansione cerca operatori da inserire nel proprio organico,..PER TUTTI.. Se siete dotati di spiccate doti comunicative e relazionali, di grinta e di voglia di vincere nella propria vita e nella propria professione, siete le persone giuste per noi. Si offre: Contratto DI COLLABORAZIONE con fisso mensilePART.TIME 500 EURO   FULL TIME 1000 EURO Si richiede:     conoscenza base del computer.
Buona dialettica Indispensabili: computer e adsl. Canale voce(voips)Zona: TUTTA ITALIA Inviare curriculum vitae o una presentazione ed allegare un numero di  numero telefono fisso  per essere contattati piu velocemente al link : http://reggiocalabria.bakeca.it/customer-service-call-center-telemarketing/selezioniamo-operatriciori-per-call-pkey36197366 .La ricerca ha carattere d’urgenza. Astenersi perditempo.

ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE

GI GROUP LAVORO TEMPORANEO S.p.A.-AGENZIA PER IL LAVORO-(Aut. Min.  26/11/2004 PROT. N. 1101-SG)
RICERCA per azienda cliente ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE POSIZIONE:  Il candidato ideale dovrà occuparsi di analisi aziendali, reportistica, budgeting, contabilità generale e  di controllo di gestione.REQUISITI: Il candidato deve essere dinamico, laureato in Economia e Commercio, avere buone conoscenze contabili, delle voci di bilancio, di partita doppia, di excel. Deve aver maturato una pregressa esperienza nella mansione e preferibilmente essere iscritto alle liste di mobilità.SEDE DI LAVORO: Reggio Calabria.La risorsa sarà assunta con un Contratto iniziale di Prestazione di lavoro Temporaneo a tempo determinato.Successiva assunzione da parte dell’azienda cliente.Gli interessati possono inviare il curriculum vitae al N°di fax: 0965 300721 o all’indirizzo e-mail: reggiocalabria.giulia@gigroup.itL’offerta di lavoro si intende rivolta all’uno e all’altro sesso in ottemperanza al D.Lgs. 198/2006. I candidati sono invitati a leggere l’informativa privacy – D. Lgs 196/2003 – all’indirizzo web : www.gigroup.it

Docenti di Madrelingua Russa
Comune: Reggio di Calabria

Azienda in grande espansione specializzata nel settore della formazione ICT e nella fornitura dei servizi in ambito informatico e linguistico seleziona urgentemente per Reggio Calabria docenti madrelingua RUSSA. Il candidato ideale è un esperto in grado di impartire corsi di lingue straniere ed di gestire in totale autonomia le attività d’aula. Requisiti: – Laurea in Laurea in Lingua e Letterature Straniere – Pregressa esperienza di almeno due anni in ruolo analogo; – Buona predisposizione al lavoro di gruppo- Flessibilità di orari – Ottima dialettica – Puntualità – Buona presenza
Si offre inserimento diretto in contesto giovane e dinamico, che offre reali possibilità di crescita professionale oltre ad un inquadramento commisurato all’effettivo grado di esperienza nel ruolo. http://reggiocalabria.bakeca.it/docenti-formazion-risorsumane/docenti-di-madrelingua-russa-e2fu30672674

Operatore Web per azienda online

Comune: Reggio di Calabria

CERCASI COLLABORATORI  FULL TIME – PART TIME, CON CONOSCENZA MINIMA DELL’INFORMATICA, BUONA DIALETTICA E PREDISPOSIZIONE AL LAVORO DI GRUPPO. DISPONIBILITA’ DI 5-10 ORE SETTIMANALI DA GESTIRSI IN MODO AUTONOMO. OFFRESI CORSO DI FORMAZIONE BASE E AFFIANCAMENTO DI PERSONALE QUALIFICATO. POSSIBILITA’ DI CRESCITA PROFESSIONALE. http://reggiocalabria.bakeca.it/marketing-comunicazione-adv/operatore-web-per-azienda-k7ck36200796

Addetta Vendite Naturhouse Reggio Calabria
Comune: Reggio di Calabria

NATURHOUSE, multinazionale attiva nella rieducazione alimentare, cerca per il proprio centro di Reggio Calabria, nr. 1 addetta Vendite
Requisiti Si richiede attitudine alla vendita al contatto con il cliente e ai rapporti di buon vicinato
E’ preferibile la residenza a Reggio Calabria o immediate zone limitrofe .insieme al curriculum aggiungere due foto: 1 mezzo busto e 1 figura intera http://reggiocalabria.bakeca.it/commessi-cassieri-gdo/addetta-vendite-naturhouse-reggio-bzyb34918814