Share:

Il centrosinistra su indagini Magistratura.

I Consiglieri comunali del centrosinistra della Città di Reggio Calabria esprimono preoccupazione per l’inquietante scenario disvelato dalla recente operazione della Procura della Repubblica di Milano cha riguarda, tra gli altri, due magistrati in servizio nel distretto di Corte d’Appello di Reggio Calabria.Abbiamo atteso prudentemente alcuni giorni prima di assumere una posizione ufficiale al fine di conoscere meglio gli atti di indagine e la sostanza delle accuse contestate. Non entriamo nel merito della vicenda giudiziaria, spetterà alla magistratura ogni approfondimento investigativo e processuale.Riteniamo che l’ordine della magistratura sia il più alto presidio della legalità e come tale debba necessariamente rimanere estraneo ai perversi meccanismi di spartizione di potere di matrice politica e clientelare: ogni degenerazione costituisce un colpo mortale alla credibilità della magistratura nel suo complesso.Auspichiamo che gli inquirenti portino avanti il loro lavoro con determinazione e coraggio, inevitabilmente dall’esito di indagini di questa portata dipenderà in parte il futuro della nostra Città e la credibilità complessiva delle Istituzioni dello Stato. Non possiamo permetterci di smarrire finanche gli ultimi simboli della presenza dello Stato; la magistratura è tra questi uno dei più significativi.Intravediamo il rischio che i calabresi e i reggini in particolare possano presto assuefarsi al sistema di potere rivelato dalle indagini della magistratura milanese in mancanza di una netta e risoluta condanna collettiva a cui tutti siamo chiamati indipendentemente dalle rispettive diversità di ordine politico e sociale.E’ in gioco il futuro della nostra terra.   I Consiglieri comunali :Massimo Canale, Demetrio Delfino, Giuseppe Falcomatà,Nicola Irto,Nino Liotta,Giuseppe Marino.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Please enter an Access Token on the Instagram Feed plugin Settings page.